ciclo di una camminata laterale

SPEED VIDEO: “ciclo di una camminata laterale”

(Pose chiave e intercalazioni)

Come animare un ciclo di un passo in animazione tradizionale fotogramma per fotogramma.

Questo è un estratto dell’ultima scena di un nuovo progetto sul risparmio con cashback. La clip è un secondo di animazione con una velocità aumentata di circa 10.000%.

L’animazione viene eseguita nella tradizionale tecnica di animazione fotogramma per fotogramma in passo a uno. La lavorazione è classica: prima la preparazione delle pose chiavi e poi le intercalazioni tra esse a varie velocità.  

La protagonista esce di scena con due passi completi.

È possibile vedere come la dinamica dei capelli è diversa e segue una propria vita di animazione. Questo per avere un risultato più realistico e fluido.

Alla fine, possiamo vedere l’onion skin completo in timeline, per vedere il movimento dell’animazione nello spazio del campo visivo.

Inizialmente bisogna suddividere il personaggio in base all’animazione che ne concerne.

In questo caso la suddivisione richiede la separazione degli arti, dei capelli e del props (elemento scenografico animato). Una volta scelta la separazione del personaggio come se fosse una marionetta lo si ricompone in stage seguendo i vari livelli, gli elementi dietro nei livelli inferiori, gli elementi sovrastanti nei livelli superiori. Per comodità gli animatori rinominano con i giusti nomi i vari livelli.

Un elemento importante per una buon riuscita di una camminata, è l’andatura che sia caratterizzante del nostro personaggio. In questo video la protagonista è una ragazza amante dello shopping, la velocità è cadenzata e la postura è dritta sull’asse, senza sbilanciamenti avanti o indietro. 

La tecnica per animare una camminata che restituisca all’occhio dello spettatore una buona illusione di movimento, deve contare di almeno 17 frame.

In questa scena i frame sono 20 per passo per dare un carattere più fiero e al tempo stesso femminile alla protagonista.

Nelle pose chiavi la configurazione del corpo è molto evidenziata. Per esempio nel primo frame la gamba sinistra ha la punta verso il suolo mentre il tallone si sta alzando. Di conseguenza il piede destro ha il tallone a terra e la punta al cielo. In questo modo anche se non consapevolmente lo spettatore percepisce che si è all’interno di un passo già avviato.

Il busto del protagonista nella prima posa chiave è abbassato verso il terreno, mentre nella pose chiave numero quattro il busto si alza per dare lo slancio alla gamba che si è alzata dal suolo.

Una volta fatte le principali pose chiave si possono iniziare le intercalazioni.

No Comments

Post A Comment